Hi-Storia Fermo 2017/18 con l' ITET Carducci-Galilei

Un laboratorio didattico con studenti dei curricoli turistico e geometri, per la realizzazione di un dispositivo tattile interattivo rappresentante Piazza del Popolo a Fermo

Il progetto nasce dalla collaborazione tra la sezione Marche del Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO e l’ ITET “GB. Carducci-G. Galilei”. Il team di Hi-Storia è stato coinvolto sin dalla fase di co-progettazione, curata dalla Prof.ssa Carla Piermarocchi, che ha coinvolto docenti e partner di progetto. Oltre alle specificità riguardanti obiettivi didattici e le metodologie, durante la co-progettazione sono emersi 3 possibili luoghi culturali da trattare come soggetto del percorso di Hi-Storia: 1) Palazzo dei Priori; 2) un percorso legato agli impianti idrici dell’antica Fermo; 3) la piazza del Popolo nella sua interessa. Infine sono stati proposti come destinatari del percorso una classe III del curricolo geometri (costruzioni,ambiente e territorio, opzione legno) e una classe IV del corso Turismo. Alla progettazione iniziale ha partecipato anche l’Università Politecnica delle Marche, partner di progetto a Fermo.

Progettazione partecipata

Nella successiva attività di progettazione partecipata svolta insieme agli studenti, è stata scelta la terza opzione, la Piazza del Popolo, come target di studio.

Scorcio della piazza e del dispositivo realizzato.

Abbiamo apprezzato da subito la scelta, che permetteva di lavorare parimenti su architettura e spazi vissuti e non semplicemente su un singolo edificio in maniera didascalica. Inotre, durante le attività di progettazione partecipata in classe, gli studenti hanno analizzato il monumento dal punto di vista architettonico, artistico e storico, selezionando i contenuti e gli attivatori. Gli attivatori scelti sono:

  • Palazzo dei Priori
  • La biblioteca civica
  • I due porticati principali
  • Le cisterne romane
  • Palazzo del Governatore
  • Il loggiato di San Rocco
  • La pinacoteca civica (con 2 attivatori, uno per la sala del mappamondo ed uno per la sala principale che ospita, tra le varie opere, anche un dipinto di Rubens)
  • Il Palio dell’Assunta
Attività durante la progettazione partecipata degli attivatori

Progettazione contenuti: testi, 3D, audio

Dopo i lavori condivisi, le classi si sono divise per la progettazione e sviluppo dei vari contenuti. Le studentesse e gli studenti del turistico si sono occupati di reperire informazioni avanzate sulla piazza, sulla definizione del target e scrittura dei testi; parallelamente, studentesse e studenti dell’indirizzo geometri hanno lavorato su modellazione CAD e stampa 3D rappresentante piazza del Popolo e i suoi monumenti.

La modellazione 3D è effettuata con il software utilizzato durante le attività curricolari, Sketch-up

Per i contenuti audio-testuali, le classi hanno scelto di realizzare 3 percorsi dedicati a 3 differenti target: uno adatto per qualsiasi utente, uno con contenuti per bambini ed uno specifico per non vedenti.

Il lavoro di scrittura ed editing, svolto in modalità peer, ha utilizzato strumenti digitali come Google Drive ma anche le più classiche stampe su carta!

In contemporanea, gli studenti del curricolo geometri hanno lavorato con Sketch-Up per la realizzazione di un modello 3D, partendo da rilievi già esistenti. Ogni gruppo di studenti ha sviluppato una parte di piazza. I file CAD sono stati successivamente prodotti con stampante 3D con plastica PLA, post-prodotti ed assemblati.

Le attività di produzione di contenuti si sono concluse con la realizzazione di registrazioni audio: 27 tracce audio, registrate dagli allievi del turistico. Le competenze in comunicazione mobilitate in queste attività hanno riguardato lo speakearggio e la corretta lettura ad alta voce, l’uso di un kit di microfoni semi-professionale, l’utilizzo di Audacity per registrare e post-produrre gli audio, l’inserimento di effetti sonori e brani musicali.

Comunicazione del progetto

Il progetto prevede la democratizzazione dei beni culturali, anche attraverso l’utilizzo dei più moderni canali di comunicazione. Gli studenti sono pertanto coinvolti in diverse azioni di comunicazione, che si protraggono all’interno di 2 anni.

Il dispositivo è stato presentato il 19 Maggio alle ore 11:30 presso l’aula magna dell’ ITET “GB. Carducci-G. Galilei” in presenza di rappresentanti del Comune di Fermo, dell’Università Politecnica delle Marche e di Giovani UNESCO.

Il 28 Settembre 2018 al Museo Archeologico Nazionale di Napoli gli alunni hanno partecipato all’inaugurazione della mostra “Patrimoni del Futuro”, aperta al pubblico fino al 06 di ottobre 2018. L’evento, organizzato a conclusione del progetto “Unesco-Edu Futuro Presente” è stato promosso dall’Associazione Nazionale Giovani per l’Unesco e coordinato dall’ITE Enrico Caruso di Napoli, che ha provveduto a curare la comunicazione, l’apparato grafico e l’allestimento delle sale. Gli studenti si sono occupati di allestire lo spazio riservato alla scuola con l’audioguida tattile della Piazza del Popolo di Fermo.

All’allestimento è seguita la conferenza di presentazione del progetto, che si è svolta nella bellissima Sala Farnese, tra le statue della collezione.  Argomento principe del dibattito è stato il Patrimonio e la sua conservazione, alla luce soprattutto dell’interpretazione data attraverso progetti come “Futuro Presente, che ha coinvolto oltre 40 scuole in tutta Italia per un totale di 3500 partecipanti.
Ad alcuni studenti è stata data la possibilità di raccontare la loro esperienza alla platea e tra questi c’erano anche gli alunni di Fermo, che non hanno mancato di evidenziare gli aspetti più coinvolgenti ed emozionanti del lavoro svolto insieme.

Per l’avvio del progetto ringraziamo la Dirigente dell’ ITET “GB. Carducci-G. Galilei”, Cristina Corradini, che ha reso possibile l’iniziativa e il team di UNESCO Giovani, sezione Marche, per la collaborazione, e il personale scolastico che ci ha assistito durante le attività didattiche.