ITET Carducci-Galilei di Fermo al MANN per la mostra “Patrimoni del Futuro”

Si conclude nella splendida cornice del Museo Archeologico di Napoli il progetto “Unesco EDU- FuturoPresente”

IL 28 Settembre 2018 al Museo Archeologico Nazionale di Napoli il team di Hi-Storia ha partecipato insieme agli alunni della III indirizzo geometri e della IV indirizzo turistico dell’ITET GB-CARDUCCI- G.GALILEI di Fermo all’inaugurazione della mostra “Patrimoni del Futuro”, aperta al pubblico fino al 06 di ottobre 2018.
L’evento, organizzato a conclusione del progetto “Unesco-Edu Futuro Presente” è stato promosso dall’Associazione Nazionale Giovani per l’Unesco  e coordinato dall’ITE Enrico Caruso di Napoli, che ha provveduto a curare la comunicazione, l’apparato grafico e l’allestimento delle sale.


Arrivati di buon mattino nella città partenopea, il primo passaggio è stato quello di allestire lo spazio riservato alla scuola. Protagonista del nostro stand l’audioguida tattile della Piazza del Popolo di Fermo, frutto del progetto realizzato in collaborazione con l’UNIPM e Unesco Giovani – Marche.
Il team di Hi-Storia ha lavorato per “Futuro Presente” anche con l’IIS d’Aosta dell’Aquila e l’IIS Ovidio di Sulmona per la realizzazione del modellino 3d rispettivamente dell’Abbazia di Collemaggio e l’eremo di Santo Spirito a Majella di Roccamorice (PE).
All’allestimento è seguita la conferenza di presentazione del progetto, che si è svolta nella bellissima Sala Farnese, tra le statue della collezione. Numerosi ed importanti gli interventi:  hanno infatti preso parola il direttore del museo archeologico Paolo Gulierini, il Presidente Nazionale di Giovani Unesco Paolo Patrocelli, il dirigente scolastico dell’ITE Caruso Vittorio Delle Donne ed il sindaco di Napoli Luigi De Magistris.
Argomento principe del dibattito è stato il Patrimonio e la sua conservazione, alla luce soprattutto dell’interpretazione data attraverso progetti come “Futuro Presente, che ha coinvolto oltre 40 scuole in tutta Italia per un totale di 3500 partecipanti.
Ad alcuni studenti è stata data la possibilità di raccontare la loro esperienza alla platea e tra questi c’erano anche gli alunni di Fermo, che non hanno mancato di evidenziare gli aspetti più coinvolgenti ed emozionanti del lavoro svolto insieme.

Un’occasione dunque per catalizzare l’attenzione su un settore che ancora una volta mostra l’intrinseca capacità di favorire la creatività e creare legami tra realtà operative nella promozione del patrimonio.
Il bello di collaborare a progetti come questo è che si persegue un unico obiettivo: rendere consapevoli le nuove generazioni dell’identità dei luoghi e dell’impatto che hanno sul nostro immaginario.

Il patrimonio culturale è una fonte da cui attingere per cogliere il presente ed immaginare il futuro, rispettando la storia che lo caratterizza e facendola rivivere secondo il nostro modo di interpretarla.
“Presente Futuro” è un progetto che ha proprio questo scopo e HI-Storia è lieta di averne fatto parte, contribuendo con i laboratori didattici allo sviluppo di un’idea di patrimonio che si rinnova mediante le nuove tecnologie.


Foto: Hi-Storia team ©