Hi-Storia è un framework didattico flessibile e modulare, in cui è possibile personalizzare le attività didattiche in base al curriculum degli studenti e alle decisioni prese in fase di progettazione. Per semplificare la progettazione partiamo da un percorso di base da cui declinare il proprio progetto. In questa pagina sarà approfondita la seconda quinta fase, quella della stampa 3D del bene culturale in scala.

Il percorso completo di Hi-Storia è disponibile su https://www.hi-storia.it/percorso-didattico/

Nella fase dedicata alla fabbricazione digitale, gli allievi utilizzano penne 3D a filamento e stampanti 3D. Con questi strumenti realizzano il dispositivo interattivo hi-Storia che rappresenta il bene culturale selezionato. Bassi costi e semplicità d’uso sono i punti di forza di questa macchina. Gli strumenti apprendono le tecniche di stampa 3D e di post produzione.

Questa attività può essere finalizzata anche ad approfondire lo studio degli elementi architettonici. L’operazione di assemblaggio degli elementi architettonici stampati facilita la comprensione dei principi statici degli edifici, e lo studio degli stili architettonici

Le fasi

Introduzione alla stampa 3D

Gli .

Slicing del file 3D

Dalla .

Stampe 3D del monumento

Dalla teoria . Oltre alla stampante, è possibile usare le penne 3D per creare prototipi, scanner 3D per effettuare rilievi dal vivo di piccole opere d’arte o elementi decorativi architettonici, e altri strumenti come frese CNC, laser-cutter, plotter e termoformatrici per aggiungere ulteriori elementi e migliorie al dispositivo e alla postazione di fruizione.

Post-produzione

Si torna in Le classi di curricoli tecnico-artistici potranno lavorare anche alla produzione di filamenti tramite estrusori, e alle tecniche avanzate di post-produzione.

Opzionale: Creazione di stampi per colate

In diversi istituti

Obiettivi didattici

  • Potenziare le competenze nell’area linguistica (verbale)
  • (Opzionale) Sviluppare le competenze nell’area dell’arte e creatività nel settore musicale
  • Sviluppare le competenze digitali nella creazione di contenuti multimediali
  • Sviluppare le competenze digitali nella ricerca in archivi digitali
  • Acquisire conoscenze sulle licenze aperte per il rilascio di contenuti (es Creative Commons)

Strumenti e risorse

  • Presentazioni multimediali
  • PC per la post-produzione
  • Cuffie per la fruizione degli audio in fase di post-produzione
  • Account cloud il caricamento audio (cloud Google/Microsoft oppure il nostro cloud open-source Lab.Hi-Storia.it)
  • PC con software di editing audio installato (ad esempio Audacity)

Ambienti d’apprendimento

  • Aula makerspace o altro laboratorio per le attività di fabbricazione digitale
  • Aula makerspace, aula di pittura o altro laboratorio per la fase di post-produzione

Possibili partner

  • Fablab locali e Associazioni che si occupano della cultura makers. I fablab sono presenti in molte città italiane (es: Fablab Venezia)

Se hai trovato interessante questa fase dei laboratori di Hi-Storia

Vuoi approfondimenti?